Angel Knight Warhammer 40K – Kabuki Studio. Tutorial per il montaggio e la pittura.

1
772

Questa miniatura della Kabuki Studio, in tiratura limitata, si ispira a Sanguinius –  uno dei venti figli dell’Imperatore (Universo di Warhammer 40000). La box art raffigurata non è perfettamente aderente allo schema colore da utilizzare per cui, volendo raffigurare il Primarca nella sua colorazione corretta, mi sono documentato su art work e relativi codex di riferimento.

Questo personaggio, infatti, ha caratteristiche diverse: prima tra tutte le grandissime ali bianche, l’armatura dorata e la sua arma canonica che è la Lancia (anche se nel duello finale con il Primarca traditore Horus utilizza la spada). Altra peculiarità è la pelliccia solitamente di un colore bianco sporco con macchie nere.

Assemblaggio miniatura e prima fase della colorazione:

Solitamente monto la miniatura seguendo due schemi ben precisi: per comodità dei pezzi oppure per continuità di tonalità del colore. In questo caso ho incollato tutto il corpo e i due semi gusci di ciascuna ala, lasciando separata la mandibola dalla testa del Demone nella basetta.

Conclusa la fase di assemblaggio, per poter mettere in risalto i vari dettagli e permettere al  ho steso su tutta la miniatura una base di nero XF-1 Tamiya spruzzata ad aerografo su tutte le parti ad eccezione delle ali. Il primer scuro aiuterà la vernice ad aderire meglio.

Per le mie miniature utilizzo quasi esclusivamente colori Citadel e  la tecnica del pennello asciutto (Dry Brush, che in questo articolo troverete spesso abbreviata come “Dry”) accompagnati dai lavaggi per scurire il colore e creare delle ombre.

Ora partiamo con la basetta:

  • Adeptus Battelgrey di base per le rocce.

  • Dawnstone (colore più chiaro) per dare le prime luci.

  • Administratum Grey per schiarire di una tonalità e far risaltare i contorni.

  • Infine un mix 50/40/10 di Administratum Grey, Ceramite White e Ushabti Bone.

Il risultato finale è questo :

Passando al Demone, ho deciso di riprodurre uno dei demoni rossi di Khorne (atavici nemici del Primarca). Consiglio di non incollare la mandibola al resto della testa. Questo vi permetterà di  colorare agevolmente il palato.

  • Base di Khorne red.

  • Lavaggio pesante con il Nuln oil.

  • Per i denti ho utilizzato il Flayed One Flesh al fine di dare l’impressione di un colore osseo (giallastro).

  • Per uniformare la colorazione del Demone ho fissato a secco la testa iniziando, poi, a colorare la pelle con la base Khorne red.

  • Lavaggio pesante Rosso con il Carroburg Crimson.

  • Ora per accendere il colore del demone ho fatto un Dry con il Mephiston Red e Khorne Red in miscela 50/50.

  • Sulle Corna e sui denti base di Flayed One Flesh.

  • Lavaggio pesante con l’inchiostro marrone Agrax Earthshade.

  • Nel frattempo che i pezzi continuano la naturale asciugatura, consiglio di lavorare sulle parti non inchiostrate, in questo caso le vene, con una tinta violacea per dare un po di colore ad una parte altrimenti a tinta unica. I colori utilizzati sono Genestealer Purple e Liche Purple sempre miscelati al 50/50.

  • Una volta asciutto il lavaggio sono tornato a definire più in profondità le corna, utilizzando la tecnica del Dry Brush con un mix 50/50 di Ceramite White e Flayed.

  • Sugli occhi ho optato per una clorazione gialla, quindi ho dato la base con l’Averland Sunset.

  • Agrax Earthshade sul corpo e sugli occhi per uniformare il tutto.

  • Con lo stesso mix utilizzato per le vene consiglio di dipingere anche l’interno della testa, per differenziarela da quella interna.

  • Infine ho scelto il Mephiston Red per le labbra e per qualche punto di luce sulla mascella e sul contorno in corrispondenza del taglio del cranio.

Ora la nostra basetta è finalmente completa!

Ed ecco la prova a secco del figurino sulla basetta, ancora non incollato, ma che fa da ottimo supporto per le fotografie.

Andiamo avanti dedicandoci all’armatura:

  • Per l’oro ho usato una base di Retributor Armour.

  • Lavaggio di Agrax Earhshade.

  • Una volta asciutto il washing, Dry di Gehenna’s Gold (10%) e Retributor Armour (90%).

  • Ancora Dry Brush, questa volta mirato per i punti luce superiori con il Liberator Gold in modo da terminare la nostra armatura.

  • Ora passiamo ai vari dettagli, iniziando con quelli che dovranno risultare di colore bianco. Per fare questo ho preparato una base di un Grigio tendente all’azzurro molto chiaro, l’Astronomican Grey.

  • Con il Ceramite White ho ottenuto dei punti luce a mano libera.

  • Le parti in verde sono in Caliban Green che è perfetto come base.

  • Dry di Warpstone Glow.

  • Con il Moot Green ho ripassato i contorni delle foglie per dare luce.

Alla fine si presenta così:

  • Per i dettagli delle gemme e del cuore che ha sul petto sono partito da un rosso scuro come il Khorne Red.

  • In attesa che asciugasse il rosso, ho steso il Nero sul bastone e i fregi delle spalline.

  • Sono ritornato sulle gemme dando loro un pò di luce con il Mephiston Red.

  • Puntinatura nella parte superiore della gemma in Macharius Solar Orange per ottenere i necessari riflessi.

  • Infine con il giallo (Averland Sunset) ho creato un punto luce unico all’interno della puntinatura stessa.

  • Per la lama della lancia  ho dato una base di nero, quindi ho colorato per intero la lama con il Leadbelcher.

  • Lavaggio pesante con il Nuln Oil.

  • Infine per dare l’effetto dell’affilatura ho steso il Mithril Silver.

 

Ora possiamo lavorare sulle ali:

  • Base con l’aerografo di H-417 della Gunze (è un colore grigio coprente che tende all’azzurro).

  • Infine Dry con il Ceramite White.

Eccole ultimate!

Personalmente ho optato per delle ali “angeliche” molto pulite per attenermi alle caratteristiche del personaggio scelto. Per chi  volesse ottenere un effetto più marcato consiglio di andare per step partendo da un bianco sporco di base e schiarire man mano fino a raggiungere il risultato desiderato. Consiglio vivamente di non stendere mai i lavaggi sul bianco perché scuriscono troppo e lasciano molti residui!

L’ultimo step riguarda la pelliccia:

  • Base ad aerografo di XF-60 Dark Yellow ( ma anch un sabbia qualsiasi va benissimo).

  • Per il pelo biancastro ho steso una base uniforme di Flayed.

  • Dry con il Mix al 50/50 di Flayed One e Ceramite.

  • Per l’interno della pelliccia ho utilizzato l’XV-88.

  • Un leggero Dry di Balor Brown e Flayed fa il resto.

  • Infine per le macchie ho utilizzato l’Aerografo con l’H-77 Gunze.

E… Finalmente abbiamo finito la nostra miniatura!!!

Il Work In Pogress completo lo potete trovare sul nostro FORUM!

Buon modellismo a tutti! Jacopo “Jac” Ferrari.

1 COMMENTO

Rispondi