Tested on Workbench! Recensione nuovi trasparenti acrilici Tamiya (Semi-Lucido e Opaco).

3
563

Finalmente arrivati e provati i due nuovi trasparenti della Tamiya, forse i più attesi da noi modellisti,presenti tra la nuove tinte sfornate da qualche mese dalla casa Nipponica. Sto parlando del SEMIGLOSS CLEAR X-35 e del FLAT CLEAR XF-86. Questi due prodotti vanno a colmare la lacuna presente da tempo nella gamma di trasparenti della Tamiya ma anche a sopperire a vari problemi di Finishing con altri prodotti. Infatti con questi due Clear si è smesso di combattere con i vari flat base ma anche con la scarsa reperibilità dell’ottimo opaco prodotto dalla GSI Creos,meglio conosciuto come Gunze H-30.
Ecco come si presentano:

 

Ovviamente la prova sul campo non poteva mancare. Ho adoperato un FW-190 in 1:72 della Academy che avevo realizzato molti anni fà come palestra per i Vallejo Air.Ebbene dopo aver glassato il modello velandolo con 1 mano di Tamiya Clear Gloss X-22 diluito al 70% con l’X-20A, dato sopra al precedente gloss Vallejo è iniziata la prova vera e propria.

Premetto che il prodotto gloss vallejo dato anni fà non mi reso la superfice regolare e liscia per mia colpa, quindi qualche irregolarità visibile controluce non è imputabile ai prodotti tamiya che si sono comportati in maniera eccellente. Ma veniamo a noi adesso ed alla prova di fatto. Ho aerografato metà modello con il semigloss e l’altra metà con il flat. Entrambi i prodotti sono stati diluiti con percentuali del 70% di X-20A ed aggiungendo almeno un 7% di paint retarder Tamiya, direttamente nella coppetta dell’aerografo. E’ fondamentale diluire questi due clear,come tutta la gamma dei clear tamiya, con il loro diluente e non con altri prodotti per evitare aloni biancastri o risultati irrimediabilmente disastrosi. Lo stesso vale per la pressione da settare sul manometro; chi ha avuto modo di provare il clear X-22 Tamiya sà benissimo che non bisogna superare le 0,8 – 0,9 atm per evitare la comparsa di aloni e macchie biancastre. Questi due prodotti non fanno eccezzione;stesse accortezze del Gloss Clear e tutto fila liscio come l’olio.
La pressione di spruzzo per questa prova è sempre stata intorno alle 0,5 atm e mai oltre.

FLAT CLEAR:

All’apparenza torbido, appena diluito si chiarifica molto e scorre nell’aerografo senza problemi lasciando nellaria l’odore caratteristico delle vernici tamiya. Con questa diluizione la mescola è ottima e non lascia la superfice subito opaca e dall’aspetto polveroso o con rusodità simile alla terraccotta come alcuni flat. L’opacizzazione è modulabile e la luce viene assorbita e riflessa in maniera uniforme lasciando la superfice setosa e liscia ma assolutamente non ruvida. La luce ed i riflessi tipici della vernice lucida si attenuano completamente dalla 3 velatura, evitando di bagnare la superfice ed avendo l’accortezza di aspettare che sia asciutta la precedente passata di clear.La luce che colpice il modello crea come dicevo prima un effetto setoso sul modello creando dei riflessi molto mobidi e assolutamente piacevoli. La prova volutamente effettuata su una mimetica scura ha voluto testare se questo prodotto lasciasse antiestetici aloni o cambiasse la tonalità sbiadendola o spegnendo alcuni effetti speciali. Ebbene no:niente aloni o cose strane.
Schiarisce di pochissimo i toni e,almeno se ben diluito come ho fatto io, questo XF-86 opacizza e non lascia aloni di alcun genere, a patto di non andarseli a cercare; soprattutto quello che mi ha positivamente colpito è la finitura che lascia: liscia ma al tempo stesso opaca al punto giusto da creare quella gradevole e morbida diffrazione della luce sui volumi. L’asciugatura completa avviene in circa 3 ore e molto dipende dalla temperatura ambiente oltre che dall’uso o meno del paint retarder(che io consiglio caldamente di utilizzare per i migliori risultati) Con 4 mani diluite al 70% e velature molto leggere si ottiene un’ottima opacizzazione della superfice.
Se non basta su può ripetere l’applicazione a patto di aspettare la completa asciugatura per avere una idea più veritiera.

SEMI GLOSS CLEAR:

Stessa diluizioni e stesse pressioni d’esercizio usate per l’X-35.
Valgono le considerazioni fatte per il flat riguardo odore, aggiunta di paint retarder ed uso del diluente Tamiya. Questo semigloss è proprio….. un semigloss!Un satinato vero e proprio. Infatti lascia la superfice liscia e legermente più lucida ma lontana anni luce dall’aspetto che si ottiene dal classico gloss. La smorzatura dal gloss al semigloss da me effettuata sul modello è molto evidente già dalla seconda velatura. A fine applicazione, e ad asciugatura del prodotto, il modello aveva già perso l’aspetto giocattoloso regalando rei riflessi di luci più unifomi e meno forti del gloss.Davvero piacevole da osservare in controluce. Ovviamente lo stacco tra flat e semigloss c’è e si vede ma l’idea di qualcosa dalla finitura satinata è molto convincente. Questo semigloss è più qualcosa che si avvicina alla finitura lucida che a quella opaca, semmai si puo smorzare ancora di più quel leggero effetto lucido con l’aggiunta di un 20% di flat XF-86 nel semigloss. Anche questo prodotto non mi ha lasciato nessun alone o cose strane se diluito e spruzzato seguendo dei piccoli accorgimenti peraltro arcinoti a chi utlizza già altri clear Tamiya.
Ecco le foto dei due prodotti sul Test-Model:

 

Direi che, pur non avendo mai provato il prodotto Flat Clear della Gunze, queste due new entry, serie clear, della Tamiya mi hanno lasciato positivamente colpito,anzi molto di più e vi consiglio di provarli da subito. Personalmente avento provato altre marche di flat, o di clear in generale, e sapendo che problemi danno vista la loro consistenza lattiginosa e biancastra questi due prodotti mi hanno letteralmente convinto e credo proprio di poter affermare che tutte le rotture di utilizzo dei clear siano solo un brutto ricordo oramai.
La facilità e la leggerezza con cui li ho testati unita agli ottimi risultati ottenuti hanno reso questa fase una regolare routine di aerografia e non un’incontro di pugilato come avveniva con gli altri prodotti di refinishing. C’è chi ama i colori tamiya e chi li odia ma alla fine è tutta questione di gusti e soprattutto di abitudine…..ma chi li ama, come me,dal nostro canto si ha un prodotto più facilmente reperibile,almeno su suolo Italinao, del Gunze e con risultati ottimi,easy and very smooth!

Builder-Tester
Aurelio Laudiero @ FreestyleAurelio

3 COMMENTI

  1. Sapete dove si possono reperire a Roma questi nuovi trasparenti ? Li vorreei provare ma sembrano introvabili !!!

  2. A Roma li puoi trovare da Hobby House a Viale Carnaro (zona Montesacro). Li aveva finiti quasi subito ma erano stati ordinati nuovamente… prova a farci un salto.
    Ciao!

  3. Ciao Aurelio,

    bel confronto. Per il momento devo ancora procurarmeli anche se la cosa pare andare su tempi lunghi, sob!

    microciccio

Rispondi