Gli Attrezzi del Mestiere.

0
766

Magari i modellisti più esperti non leggeranno nemmeno queste poche righe, ma l’articolo che segue è indirizzato soprattutto a tutte quelle persone che si avvicinano solo adesso al mondo modellistico. Gli attrezzi base per il modellismo plastico non sono molti, e al contrario di quello a cui pensate, molti di essi sono già facilmente reperibili in casa oppure in qualsiasi ferramenta o Brico Center. La lista che elenco qui sotto rappresenta secondo me gli strumenti indispensabili atti ad iniziare l’attività di modellista.

Taglierino: il taglierino viene usato praticamente in ogni fase di montaggio. Esso serve per separare i pezzi di plastica dal master principale, tagliare, incidere e molto spesso asportare materiale in eccesso.

Pinzette: Ideali quelle usate dalle signore per la cosmesi. Il consiglio che posso darvi è quello di non sottrarle alle vostri mogli, fidanzate, mamme ecc. ecc… Alcuni dei modellisti che hanno tentato il piccolo “furto” oggi non hanno la fortuna di poterla raccontare…! Scherzi a parte, le pinzette hanno la funzione di maneggiare piccoli pezzi, incollare gli stessi o applicare decals. Sarebbe bene procurarsene una a punta quadra per le decalcomanie, ed una a punta acuminata e curva per maneggiare le parti minute.

Forbici: Anche loro hanno svariate funzioni ( ad esempio ritagliare le decals prima di immergerle in acqua). Anche in questo caso è indicato averne due, una del tipo da unghie ed una più grande per i tagli più “duri”.

Lime: Fondamentali per i lavori di rifinitura, asportazione, pulizia pezzi da sbavature o imperfezioni o livellamento di parti incollate. Si trovano anche nei comuni Brico Center come precedentemente accennato, ed è opportuno averne un grande numero di forme e misure. Sconsigliabile l’uso di quelle a grana grossa o da ferro, i cui effetti potrebbero essere devastanti! Si possono usare anche le lime di cartone da unghie. Esse infatti hanno il vantaggio di avere un costo contenuto e di essere più efficaci in particolari situazioni in cui serve una maggiore abrasione.

Spilli: Fissati ad un piccolo mandrino possono essere utilizzati per eseguire dei fori, previa il loro riscaldamento sulla fiamma di una candela. Sono economici, pratici e poco invasivi sulla plastica se opportunamente maneggiati.

Pennelli: Altro strumento fondamentale. Se ne deve possedere almeno uno con setola n°000 per i dettagli degli abitacoli, fino ad arrivare al n°6 o 7 per stendere il colore sulle grandi superfici. Meglio averne pochi, di buona fattura e che non lasciano peli, piuttosto che averne tanti ma che rischiano di rovinare tutto il lavoro. Quando vedrete il vostro modello deturpato da un pennello di infima qualità… vi verrà il desiderio di acquistarne uno da almeno 12 euro! La loro pulizia è importante, quindi usate sempre lo stesso diluente dei colori che avete utilizzato.

Carta Abrasiva: Altro strumento fondamentale per il modellista. Serve per carteggiare e lisciare lo stucco, oppure pulire i pezzi in modo più delicato grazie alle varie gradazioni di granulosità disponibili in commercio. Si va infatti dalla 1200 (utilizzabile addirittura per lucidare), alla 280 ruvida quasi come carta vetrata da muro. Consiglio l’acquisto di un foglio per ognuna delle seguente gradazioni: 280, 400,600, 800, 1000 e 1200. Sopra alla 1200 devono essere ordinati presso un negozio specializzato poiché non risultano di facile reperibilità sul mercato “di tutti i giorni”.

Pasta Abrasiva: Dopo la lisciatura dello stucco, ad esempio, spesso la plastica rimane rigata ed opaca e se si passa sopra una mano di vernice l’irregolarità della superficie risalterà subito agli occhi. Per ripristinare la lucidatura ed eliminare eventuali difetti di stuccatura, l’uso della pasta abrasiva è fondamentale. Allo scopo consiglio l’uso di quella prodotta dalla SBM del Sig.re Stefano Bagnasco, o della Tamya Rubbing Compound. Sconsigliabile l’uso della pasta da carrozzieri poiché contiene sostanze che aggrediscono e sciolgono la plastica.

Stuzzicadenti: Non se ne hanno mai abbastanza! Servono per stendere o eliminare colla o stucco in eccesso oppure sostenere pezzi come ad esempio i pneumatici dei carrelli utilizzando come perno il foro nel mozzo.

Mollette da bucato ed elastici: Hanno entrambi lo scopo di tenere unite le parti incollate ma, mentre le mollette esercitano una forte pressione, gli elastici sono indicati per le zone più delicate e soggette a rotture.

Nastro Adesivo: Utile quello in carta da carrozziere od anche quello specifico da modellismo. Serve per mascherare le parti che non devono essere verniciate o proteggere zone dallo stucco e dalla conseguente lisciatura. Prima di applicarlo sulla vernice è meglio ridurre il suo potere adesivo attaccandolo e staccandolo più volte dal dorso della mano.

Plasticard e Plastirod: Il plasticare sono dei fogli di plastica di vario spessore commercializzati in tutti i negozi di modellismo. Sono utilizzati per riempire fessure troppo profonde oppure per ricostruire completamente dei particolari assenti nel kit. Il solo svantaggio risiede nel costo… quindi se non volete spendere troppi soldi potete anche utilizzare le comuni schede telefoniche. Per plastirod si intende invece dei profilati con sezione di varie forme tra cui tonda, quadrata ecc. Sono molto utilizzati per autocostruzioni (ad esempio le consolle laterali nei cockpit degli aerei moderni) e per apportare modifiche ai kit.Piombi da pesca: Hanno lo scopo di appesantire il muso degli aerei con carrello triciclo, ed evitare che questi si posino sulla coda una volta finiti.Sprue: Lo sprue altro non è che il telaio su cui sono attaccati i pezzi della scatola di montaggio. Questo scarto può essere riscaldato e successivamente stirato con delle pinzette per ottenere i tiranti dei vecchi biplani o le antenne a filo degli aerei della Seconda Guerra Mondiale.

Pezzi avanzati o Spare Parts: non avete idea di quante situazioni vi possono salvare questi “scarti”. Perciò nel momento in cui vi avanza qualche pezzo, conservatelo in una scatola o in un cassettino: potrebbe tornare utile per sostituire dei piccoli particolari che avete perso oppure realizzarne di altri che non sono presenti nel kit.

Nei prossimi articoli parleremo di molti altri “mezzi” a disposizione del modellista tra cui anche i collanti e gli stucchi. Buon Modellismo a tutti! Starfighter84.

Rispondi